Analista e Webdesigner

Michelangelo Cerracchio

Classe 1998. Frequenta l’ultimo anno del corso di Laurea Triennale in Scienze Internazionali e Istituzioni Europee presso l’Università degli Studi di Milano.

Appassionato di Geopolitica, Studi Strategici, lunghi viaggi e cucina.

Contatti:
michelangelocerracchio@sirmilano.it

Pubblicazioni

Sulla nuova cortina di ferro

 La postura dei predecessori di Biden era volta a tendere la mano verso Mosca per evitare un’eccessiva convergenza verso Pechino, il vero peer competitor degli Stati Uniti, per poter concentrare la maggior parte delle proprie risorse nel contenimento marittimo della Cina …

L’esercito di terracotta nella trappola di Tucidide

La retorica aggressiva di Xi per compattare il paese è accompagnata dalle affermazioni del generale Xu Qiliang riguardo all’incremento delle spese militari per affrontare le “dispute territoriali” e la “trappola …

Stati Uniti tra velleità imperiali e realtà geostrategica

Il disimpegno statunitense dall’Afghanistan è stato una prova di maturità per nulla scontata ma in linea con i dettami della strategia americana, ormai dall’amministrazione Obama volta ad alleggerirsi dagli scenari di minore urgenza anteponendovi le priorità dell’Impero. Ovvero …

Quest’invasione non s’ha da fare

Gli esiti della videoconferenza tra Putin e Biden rispecchiano la natura interlocutoria per l’interesse dell’equilibrio di potenza nella regione. Perché sia Mosca che Washington predicano toni duri ma razzolano lo status quo? Quali sono le alternative russe ad un’invasione dell’Ucraina?

Condividi su: